Università Cattolica del Sacro Cuore

Offerta Formativa

Progettazione pedagogica e formazione delle risorse umane

Progettazione pedagogica e formazione delle risorse umane

Pierluigi Malavasi, coordinatore del corso, ne descrive le principali caratteristiche

"Non si vede bene che col cuore, l'essenziale è invisibile agli occhi"

Un corso di laurea per aver cura delle relazioni educative, coltivare risorse umane, sviluppare competenze progettuali.

Programmazione attività didattiche primo semestre a.a. 2020/21

Le linee guida della facoltà attestano che le attività didattiche, tra ottobre e dicembre, qualora permanessero elementi di criticità in ordine alla sicurezza sanitaria, si svolgeranno da remoto, integrando modalità sincrone e asincrone, salvaguardando lo sviluppo, quanto più è possibile, dell’interazione e della relazione.

Nel primo semestre dell’anno accademico 2020-2021, per gli studenti iscritti al corso di studi in Progettazione pedagogica e formazione delle risorse umane, la didattica avverrà presumibilmente da remoto, valorizzando  e integrando gli elementi  che sono risultati più apprezzati , con riferimento all’esperienza condotta in questi ultimi mesi  (modalità sincrona on line, asincrona talking head, asincrona voice over presentation). Sarà mantenuto un orario settimanale, e le relative aule, tale da agevolare un ordinato calendario di impegni didattici, senza sovrapposizioni, articolato su tre giorni settimanali.

Nella prima settimana di lezione, l’accoglienza  degli studenti del primo e del secondo anno avverrà attraverso un evento inaugurale - che sarà registrato e fruibile anche successivamente - dal titolo Professione: pedagogista, auspicabilmente in dual mode (per gli studenti che lo desiderano, in presenza ; in streaming per gli altri) nel quale verranno presentati docenti e percorsi di insegnamento, referenti  per  i servizi  Relazioni internazionali  e Orientamento e Placement  (sede di Brescia), tirocinio e laboratori, strettamente correlati con la professione traguardo e in rapporto con alcune testimonianze emblematiche di rappresentanti  di enti.
Un secondo incontro, auspicabilmente in modalità dual mode (per gli studenti che lo desiderano, in presenza; in streaming per gli altri), dovrà essere calendarizzato tra novembre e dicembre per accompagnare e coordinare l’esperienza e l’azione didattica, con particolare riferimento all’attività didattica integrativa. (Se non sarà possibile la presenza, l’accoglienza avverrà attraverso webinar).
Per ciò che attiene quest’ultima, sia i laboratori sia l’attività d’aula di tirocinio nel primo semestre saranno presumibilmente avviati online, secondo le modalità adottate nel secondo semestre dell’anno accademico 2019-2020, auspicando di poter riprendere quanto prima in modo presenziale colloqui individuali,  inserimenti negli enti ed esperienze di stage.

Gli esami di profitto avverranno nella modalità online pressoché certamente a settembre e con molte probabilità anche nella sessione invernale del prossimo anno accademico.
Nel secondo semestre, l’ipotesi, naturalmente da verificare, in relazione all’evolversi dell’emergenza  sanitaria, è di proporre la didattica dual mode, tanto al primo quanto al secondo anno.

Ripresa attività didattica a settembre

Indicazioni su modalità di ripresa delle lezioni, accesso alle sedi, esami e altre informazioni utili | VAI ALLE FAQ

Il corso di laurea permette di accedere agli sbocchi professionali propri della figura del Pedagogista.

Come previsto dalle recenti normative, permette inoltre di maturare i CFU necessari per partecipare alle prove di ammissione per i percorsi di formazione all’insegnamento secondario.

Il corso di studi amplia e potenzia le opportunità di ingresso nel mondo del lavoro, anche a motivo del radicamento sul territorio e della pluralità di ambiti occupazionali che si avvalgono della progettazione pedagogica e della formazione delle risorse umane.

Tra i più accreditati:

  1. infanzia, scuola, disabilità;
  2. giovani, orientamento professionale, sviluppo di carriera;
  3. azienda, selezione e formazione;
  4. servizi alla persona, marginalità, consulenza pedagogica;
  5. anziani, housing sociale, integrazione sociale.

Obiettivi e territori

Il corso coniuga lezioni di docenti e testimonianze di professionisti, saperi e accompagnamento individuale degli studenti nelle attività di tirocinio e di tesi.

In dialogo con il territorio, il corso di laurea magistrale prepara figure professionali:

  • competenti nel coordinamento pedagogico e supervisione in servizi dedicati alla persona e rivolti all'infanzia, all'adolescenza, ai giovani, all'età adulta e agli anziani;
  • capaci di formare e gestire le risorse umane nelle organizzazioni profit e no profit;
  • esperte nella progettazione pedagogica sul territorio (project management), per promuovere e gestire interventi di rete tra diversi stakeholder: scuole, imprese, enti e associazioni;
  • in grado di declinare competenze relazionali e metodologie innovative in attività di orientamento scolastico e al lavoro, empowerment e di riqualificazione professionale;
  • rivolte a valorizzare le differenze di genere e la leadership partecipativa nei progetti di welfare del territorio, dall'analisi dei bisogni alla valutazione, in un contesto dinamico di cambiamenti socioeconomici (UN Agenda 2030) e normativi (Alternanza scuola-lavoro; Riforma del Terzo Settore; L. 205/2017).

Un augurio per coloro che iniziano il percorso della laurea magistrale

Deborah Bazzani

Simone Spini

Quali competenze specifiche ha sviluppato grazie alla laurea magistrale?

Eleonora Lavesi

Sofia Prandelli

Quali caratteristiche della formazione a distanza hanno favorito il suo apprendimento in questi mesi?

Laura Fratuccello

Claudia Sterza

TI DEVI ISCRIVERE?

Informazioni e contatti Contattaci